Il "modello italiano": penultimi in economia, primi per morti

Il “modello italiano”: penultimi in economia, primi per morti

Condividi sui Social

Pietro Furlan: queste sono le ragioni

Come si evince dal grafico, con lapalissiana evidenza, i paesi che hanno adottato le misure più restrittive tra lockdown e mascherine all’aperto (Italia, Argentina, UK e Francia) sono quelli in cui tuttavia è avvenuto il maggior numero di decessi e che hanno anche pagato il prezzo più alto in termini di recessione economica. In questa funesta classifica l’Italia, o meglio il “modello italiano” tanto elogiato dall’ex premier Conte e, a suo dire, considerato esemplare anche dall’OMS, spicca per essere il peggiore in assoluto in Europa. Siamo i primi al mondo per decessi in rapporto al numero di abitanti e secondi solo all’Argentina come danni all’economia. La stragrande maggioranza dei paesi dell’occidente e dei più industrializzati come ad esempio USA, Russia, Brasile, Giappone e Corea del Sud sono in condizioni molto migliori su entrambi i fronti.

Ma come può un lockdown generalizzato causare più morti in una pandemia rispetto a misure meno restrittive? Continua a leggere qua.