Fedez omofobo? No, “tutto il contrario”. Così è diventato il nuovo Grillo

Condividi sui Social

Però Ferro ha smascherato il marito della Ferragni. Anche sul palco del Concertone il rapper fa “tutto il contrario” di quello che ci si aspetta

“Mi interessa che Tiziano Ferro abbia fatto outing, ora so che ha mangiato più würstel che crauti. Si era presentato in modo strano con Cristicchi: ciao, sono Cristiano, non è che me lo ficchi?”.

Il marito di Chiara Ferragni omofobo? No, perché la sua canzone si intitola “Tutto il contrario”, dice l’opposto di quello che pensa veramente. E i primi versi lo dimostrano in modo inequivocabile: “Le canzoni di Mengoni io le adoro, i politici italiani fanno il loro lavoro, non mi piace Belen perché c’ha i denti a castoro”.  Peccato che Ferro non abbia capito l’ironia e ci sia rimasto molto male, si sia sentito discriminato. E d’altronde se fosse già stato in vigore il Ddl Zan, Fedez avrebbe rischiato la reclusione fino a 18 mesi. Quello stesso Ddl che sul palco del Concertone del Primo Maggio, Fedez ha difeso a spada tratta. Ma la canzone non è ironica? Mica per niente si intitola “Tutto il contrario”. Però Ferro ha capito benissimo che Fedez ha finto di ironizzare per poter dire impunemente quello che pensa davvero, proclamerebbe il pubblico ministero puntando il dito contro il consorte della Ferragni.

Continua a leggere qua.